Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Come padron de casa avrei diritto
de commannà: ma invece nossignora;
ma da 'sto giorno in poi, per dinanora,
a l'inquilini illustri nu' j'affitto.

Arriva er municipio e, zitto zitto,
me te schiaffa una lapida de fòra
perché da me c'è stata una pittora,
e indovìnece un po' quer che cià scritto?

«Qui ci abbitò la gloria de le glorie,
Cunegonda Guazzetti, brava assai,
onesta donna...» co' tant'artre storie.

Però ciamanca er mejo: a l'iscrizzione
nun cianno messo quanno la citai
perché nun me pagava la piggione.



Questa poesia è stata letta 1044 volte