Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Bisogna che venite appresso a me! —
disse er Leone ar popolo animale.
E tutti quanti agnedero cór Re.
Ma doppo un po' de strada ècchete che
er Re rimase in coda, cór Cignale.

— Ritorna ar posto indove t'eri messo,
— je disse quello — e insegnece er
cammino...
— Va' là, — rispose er Re — tanto è lo stesso:
oggi chi guida un popolo è destino
che poi finisce per annaje appresso.



Questa poesia è stata letta 966 volte