Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Jeri ho chiesto a la Strega: — Vecchia mia,
perché nun me riporti una vescica
co' li sospiri ch'ho buttato via?
— Va' là, va' là, risparmia la fatica,
— m'ha risposto la Strega — dar momento
che li sospiri sfumeno cór vento...

— Allora — ho detto — porteme una boccia
co' tutti queli pianti che versai... —
Ma la Strega ha sgrullato la capoccia
e m'ha risposto: — Fijo, nu' lo sai
che perfino le lagrime più amare
so' gocce che se perdeno ner mare?...



Questa poesia è stata letta 2184 volte