Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Pollo che raspava in un giardino
vidde un Cane Mastino
senza catena e senza musarola.
— Riverisco, Eccellenza... —
je fece er Pollo con un bell'inchino,
scivolanno sull'urtima parola.
Spesso, più che la stima, è la prudenza
che ce consija a fa' la riverenza.

Prova ne sia che, doppo un mese, er Pollo,
ner passà dar cortile d'un ospizzio,
vidde er Mastino co' la corda ar collo.
— Ah, — dice — finarmente
t'hanno messo giudizzio?
Sei finito in cortile! Addio, pezzente!
— O in giardino o in cortile,
— rispose er Cane — resto sempre forte;
tu resti sempre un vile.



Questa poesia è stata letta 1255 volte