Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Arrivato a lo svorto d'un palazzo
er povero imbriaco inciampicò,
capolitombolò
e rimase così, come un pupazzo.
— Zulù, Zulù, perché me lasci solo?
— ciangottò l'intoppato ar Cagnolino accucciato de dietro a un muricciolo —
Perché te sei nascosto? A bon bisogno
nun te ricordi più che so' er padrone... —
Er Cane disse subbito: — Hai raggione,
ma a di' la verità me ne vergogno!



Questa poesia è stata letta 1009 volte