Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LIBBERTÀ, UGUAGLIANZA, FRATELLANZA: LA LIBBERTÀ

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

La Libbertà, sicura e persuasa
d'esse stata capita veramente,
una matina se n'uscì da casa:
ma se trovò con un fottìo de gente
maligna, dispettosa e ficcanasa
che j'impedì d'annà libberamente.

E tutti je chiedeveno: — Che fai? —
E tutti je chiedeveno: — Chi sei?
Esci sola? a quest'ora? e come mai?...
— Io so' la Libbertà! — rispose lei —
Per esse vostra ciò sudato assai,
e mó che je l'ho fatta spererei...

— Dunque potemo fa' quer che ce pare... —
fece allora un ometto: e ner di' questo
volle attastalla in un particolare...
Però la Libbertà che vidde er gesto
scappò strillanno: — Ancora nun è affare,
se vede che so' uscita troppo presto!



Questa poesia è stata letta 2151 volte