Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LIBBERTÀ, UGUAGLIANZA, FRATELLANZA: L'UGUAGLIANZA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Fissato ne l'idea de l'uguajanza
un Gallo scrisse all'Aquila: — Compagna,
siccome te ne stai su la montagna
bisogna che abbolimo 'sta distanza:
perché nun è né giusto né civile
ch'io stia fra la monnezza d' un cortile,
ma sarebbe più commodo e più bello
de vive ner medesimo livello. —

L'Aquila je rispose: — Caro mio,
accetto volentieri la proposta:
volemo fa' amicizzia? so' disposta:
ma nun pretenne che m'abbassi io.
Se te senti la forza necessaria
spalanca l'ale e viettene per aria:
se nun t'abbasta l'anima de fallo
io seguito a fa' l'Aquila e tu er Gallo. —



Questa poesia è stata letta 2701 volte