Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LIBBERTÀ, UGUAGLIANZA, FRATELLANZA: LA FRATELLANZA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Un certo amico mio conserva un callo
riposto in un astuccio de velluto
sotto una scatoletta de cristallo.
— E che robb'è: — je chiesi una matina.
Dice: — È un ricordo! — Dico: — Ma te pare
che sia un affare da tené in vetrina?
Se fusse robba mia
la frullerebbe via!... —
Lui me rispose subbito: — Ar contrario!
'Sto callo rappresenta l'ideale
d'un programma sociale-umanitario
d'un omo che insegnò per cinquant'anni
la vera fratellanza universale!

Era un brav'uomo, credi; un vero specchio:
bono, sincero, onesto... Se chiamava
Pasquale Chissenè. Povero vecchio!
Passava l'ore e l'ore
davanti ar tavolino der caffè
pe' fa' la propaganda de l'amore...
Povero Chissenè!
Qual'era er sogno suo? Quello de vede
l'ommini abbraccicati fra de loro
uniti ne la pace e ner lavoro,
immassimati ne la stessa fede...
Ma pe' convince er popolo sovrano
de quello che diceva, ogni tantino
dava un cazzotto in mezzo ar tavolino...
finché je venne er callo ne la mano.
Ecco perché lo tengo! Ecco perché
quanno sento parlà de fratellanza
ripenso ar callo e sento in lontananza
una voce che dice: Chissenè...



Questa poesia è stata letta 2349 volte