Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Appena seppi da l'appiggionante
che quela brutta boja senza core
ciaveva relazzione cór dottore,
corsi in questura e je ne dissi tante.

— Che ce vôi fa'? — me fece l'ispettore —
Per arrestà tu' moje co' l'amante
bisognerebbe còjeli in fragrante
sur posto indove stanno a fa' l'amore. —

Dico: — Sta a via Firenze, trentanove:
adesso vado là con un pretesto,
pijo l'appunti e viengo co' le prove... —

Eh! si ce l'acchiappavo! Dio ne guardi!
Ma ciagnedi a le quattro... Troppo presto!
Ce ripassai a le cinque... Troppo tardi!



Questa poesia è stata letta 1604 volte