Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER ROFFIANO ONORATO

Giuseppe Gioacchino Belli

È nnata e bbattezzata a la Matriscia:
Cuà nun ze viè pe sbarattà le carte,
Vienghi a vvedé coll’occhi sui che cciscia,
E ddoppo me dirà s’io sò dell’arte.

Se la facci spojjà ssenza camiscia,
La tasti puro da tutte le parte,
La provi, e vvederà cchi è la Miscia,
E ssi ppropio è un boccon da Bbonaparte.

Se ne troveno pochi de sti musi.
Le regazze, monzú, che jje do io,
Lei pò ppuro fregalle a occhi chiusi;

Ché nun zò le puzzone, monzú mmio,
Che jje porta un zocchí, ppiene, me scusi,
De tutte sorte de grazzia de ddio.

10 gennaio 1832

Questa poesia è stata letta 406 volte