Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Co st’antre ammazzatore sgazzerate
C’hanno vorzuto arzà ffora de porta,
Nun ze disce bbuscia che Rroma è mmorta
Piú ppeggio de le bbestie mascellate.

Dove se gode ppiú ccom’una vorta
Quer gusto er venardí dde le capate,
Quanno tante vaccine indiavolate
Se vedeveno annà ttutte a la ssciorta?

Si scappava un giuvenco o un mannarino,
Curreveno su e ggiú ccavarcature
Pe Rripetta, p’ er Corzo e ’r Babbuino.

Che rride era er vedé ppe le pavure
L’ommini mette mano a un portoncino,
E le donne scappà cco le crature!

11 gennaio 1832

Questa poesia è stata letta 249 volte