Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER PRESEPIO DE LA RESCELI

Giuseppe Gioacchino Belli

Er boccetto in perucca e mmanichetti
È ssan Giuseppe sposo de Maria.
Lei è cquella vestita de morletti
E de bbroccato d’oro de Turchia.

Vedi un pupazzo pieno de fiocchetti
Tempestati de ggioje? ecch’er Messia.
Cazzo! evviva sti frati bbenedetti,
Che nun ce fanno vede guittaria!

Cuello a mmezz’aria è ll’angelo custode
De Ggesucristo; e cquelli dua viscino,
La donna è la Sibbilla e ll’omo Erode.

Lui disce a llei: «Dov’ello sto bbambino
Che le gabbelle mie se vò ariscòde?»
Lei risponne: «Hai da fà mmórto cammino».

12 gennaio 1832

Questa poesia è stata letta 372 volte