Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA SCIRCONCISIONE DER ZIGGNORE

Giuseppe Gioacchino Belli

Sette ggiorni e un po’ ppiú ddoppo de cuello
Che ccor fieno e li scenci inzino ar gozzo
La Madonna tra un bove e un zomarello
Partorí er bon Gesú ppeggio d’un mozzo;

Er padre sputativo poverello
Pijjò in braccio er Bambino cor zangozzo,
E annorno ar tempio a fajje fà a l’uscello
Er tajjo d’un tantin de scinicozzo.

Eppoi doppo trent’anni fu pe mmano
De san Giuvanni bbattezzat’ a sguazzo
In cuer tevere granne der Giordano.

In cuanto a cquesto è vvero ch’er regazzo
Venne a la fede e sse fesce cristiano:
Ma le ggirelle io nu le stimo un cazzo.

12 gennaio 1832

Questa poesia è stata letta 399 volte