Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER FUGONE DE LA SAGRA FAMIJJA

Giuseppe Gioacchino Belli

Ner ventisette de discemmre a lletto,
San Giuseppe er padriarca chiotto chiotto
Se ne stava a rronfà ccom’un porchetto
Provanno scerti nummeri dell’otto;

Cuanno j’ apparze in zoggno un angeletto
Cor un lunario che ttieneva sotto;
E jje disse accusí: «Gguarda, vecchietto,
Che ffesta viè qui ddrento a li ventotto».

Se svejjò san Giuseppe com’un matto,
Prese un zomaro ggiovene in affitto,
E ppe la presscia manco fesce er patto.

E cquanno er giorn’appresso usscí l’editto,
Lui co la moj’ e ’r fio ggià cquatto quatto
Viaggiava pe le poste pe l’Eggitto.

12 gennaio 1832

Questa poesia è stata letta 419 volte