Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Da quer paese indov’hanno er vantaggio
De frabbicà er cacavo e la cannella,
Fescero sti tre rre ttutto sto viaggio
Appress’ar guidarello de la stella.

Se portava pe ccorte oggni Remmaggio
Cuattro somari, tre ccavar da sella,
Du’ guardie-nobbile, un buffone, un paggio,
Un cameo, du’ cariaggi e una bbarella.

Arrivati a la stalla piano piano
Er re vvecchio, er re ggiovene e ’r re mmoro,
Aveven’oro, incenz’ e mmirra immano.

L’incenzo ar Dio, la mirra all’omo, e ll’oro
Toccava a Ccristo com’ e rre ssoprano,
Ché li re, ggià sse sa, ttutto pe lloro!

14 gennaio 1832

Questa poesia è stata letta 282 volte