Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Che ffior de Papa creeno! Accidenti!
Co rrispetto de lui pare er Cacamme.
Bbella galanteria da tate e mmamme
Pe ffà bbobo a li fijji impertinenti!

Ha un erpeto pe ttutto, nun tiè ddenti,
È gguercio, je strascineno le gamme,
Spènnola da una parte, e bbuggiaramme
Si arriva a ffà la pacchia a li parenti.

Guarda llí cche ffigura da vienicce
A ffà da Crist’in terra! Cazzo matto
Imbottito de carne de sarcicce!

Disse bbene la serva de l’orefisce
Quanno lo vedde in chiesa: «Uhm! cianno fatto
Un gran brutto strucchione de Pontefisce».



Questa poesia è stata letta 431 volte