Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

PIPPO A LA FESTA DE BENEFICENZA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

— De che? se ce ritorno? Ma nemmanco
se viè giù er Padreterno! Nu' lo sai
che un'amarèna muffa che pijai
da 'na signora, me l'ha messa un franco?

Io, certo, in der pagajela, aspettai,
volevo er resto. E lei, de punto in bianco,
me disse: — Nu' lo sa che in questo banco
li resti nun se dànno quasi mai? —

Dico: — Capisco: loro so' signore
che faranno 'sti sgrassi a fin de bene,
so' stoccate che parteno dar core:

soccorso, carità, capisco tutto:
ma a mette un franco l'una l'amarène
me vô levà la sete cór preciutto!



Questa poesia è stata letta 806 volte