Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

C'era una vorta un Orco
ch'annava appresso a ' na regazza onesta.
Quella je disse: — Che s'è messo in testa?
Vô che me spósi un omo così porco?
Madonna mia! Ce mancherebbe questa!...
— Sì, — fece l'Orco che nun era un micco —
so' stato un birbaccione, nu' lo nego,
ma mó, però, so' diventato ricco,
rifaccio er galantomo e me ne frego. —
Lei sospirò: — Ma che dirà la gente
quanno saprà che un vecchio farabbutto
s'è unito con un'anima innocente?
Bisognerebbe vive in quarche sito
dove se scorda tutto:
tanto er bene che er male,
tanto er bello che er brutto...
Ho inteso che ner bosco c'è una fata
ch'è rinomata assai per un decotto
dell'erba d'ogni mese: una cicoria
che fa perde debbotto la memoria... —
L'Orco scrocchiò li denti e j'arispose:
— Senza che cerchi l'erba d'ogni mese,
ar monno c'è un bellissimo paese
dove nun se ricordeno le cose...
— Qual'è? — L'Italia. —

La regazza onesta
fece de sì tre volte co' la testa.



Questa poesia è stata letta 2031 volte