Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Quanno er Somaro canta arza l'orecchia,
slarga le froce, ride e guarda er sole.
Tutti sanno la musica, ché è vecchia,
ma nessuno conosce le parole.
Che ce sarà anniscosto in quer motivo?
un ritornello de rassegnazzione
o un inno sovversivo?
Ringrazzia forse Iddio che l'ha creato
per esse bastonato
o se la pija co' la Previdenza
perché nun je fa perde la pazzienza?
Certo, che quanno raja
se vede che se stacca e s'allontana
da le miserie de la vita umana:
e nun guarda nemmeno
né la paja né er fieno.

Ner Porco, invece, quanno fa er grugnito,
ce se sente lo sfogo materiale:
perché rifà quer verso, sempre eguale,
come un'affermazzione de partito.
Ma nun pensa e nun crede
che a la robba che vede e ariccapezza
framezzo a la monnezza.
Quanno ha ficcato er muso
drento lo scudellone de la bobba
lo scopo de la vita è bell'e chiuso.
Chi sarà più felice e più contento?
Quello che vive a stento,
ma cià in core una fede e una speranza,
o quello che raggiona co' la panza
e se ne frega d'ogni sentimento?



Questa poesia è stata letta 1134 volte