Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ner giardinetto mio, jeri ho veduto
una Rosa e un Moscone
che se so' dati l'urtimo saluto.
La Rosa ha detto: — Addio,
vecchio Moscone mio!
Come è finita presto la staggione!
Senti che ariaccia? Er vento se lamenta
e er celo che s'annuvola barbotta
contro la terra ghiotta
che nun è mai contenta...

Te ricordi quer giorno
quanno m'hai vista spalancata ar sole,
quante parole m'hai ronzato intorno?
Com'ero bella! E adesso so' finita
spampanata e appassita
cór vento che me sciupa e che me sfoja…
Me ne vado così! Quest'è la vita!
Che te ne fai d'un fiore
che nasce, cresce e more
senza provà una gioja,
senza sentì un dolore?
Quanto sarei felice se una mano
me venisse a strappà da la radice
pe' portamme lontano!
Me piacerebbe tanto
che quer po' de profumo che m'avanza
servisse a rallegrà quarche speranza,
svanisse ne la pena d'un rimpianto...
Ma, invece, no: per me nessuno ha riso,
per me nessuno ha pianto!

— Freghete! come sei sentimentale!
— j'ha risposto er Moscone, co' l'idea
de riarzaje er morale —
Nun sei contenta de restà così?
Lo sai dov'è finita l'Orchidea
che stava ne la serra der giardino?
È stata ritrovata in un casino
infangata per terra.
fra un piedone e un piedino...
Com'è finito er Crisantemo giallo?
A una festa da ballo,
ammosciato sur fracche d'uno scemo...
Povero Crisantemo!

Io che come Moscone giro er monno,
e lo conosco a fonno,
te posso di' che a bazzicà la gente
ce se rimette sempre quarche cosa:
e se l'umanità, presentemente,
pare più bona, pare più amorosa,
lo sai che segno è? Che se riposa
pe' via ch' è stata troppo delinquente.



Questa poesia è stata letta 1965 volte