Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L'antra matina un Cavallone borso,
aggitatore de la classe equina,
annò ar comizzio e fece 'sto discorso:
— Nun volemo più brije!
Nun volemo più morso!
Libberamo er paese
da la frusta borghese!
Evviva er communismo! Ecco er momento
che tutti li cavalli e le cavalle
deveno sortì fòra da le stalle
cór grugno ar sole e la criniera ar vento!

— Se abbolite la frusta a li signori,
— fece un Muletto — è pure necessario
che pensate ar bastone proletario
che quanno ariva addosso so' dolori!
Io servo da quattr'anni un carettiere
che m'arifila certe tortorate
evolute, coscenti e organizzate
che abbruceno la pelle ch'e un piacere!
— Nun chiacchierate troppo!
— rajò un Somaro zoppo —
Invece d'annà avanti co' 'ste scene
cercamo de trovà quarche persona
che ce rimetta su la strada bona,
che ce capisca e che ce guidi bene.
Una testa sicura
che nun abbia paura,
e nun ce rompa er sonno
coll'Inni de su' nonno,
e nun ce crocchi l'ossa
co' la Bandiera Rossa.
In quanto a la politica è un affare
che per noi bestie nun decide gnente:
resti un Sovrano o venga un Presidente
seguiteremo a fa' quer che ce pare.
In un paese buffo come questo
tutto quanto è possibbile der resto:
perfino la Repubblica Sociale
per decreto reale!



Questa poesia è stata letta 3301 volte