Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA RIVOLUZZIONE NELL'ORTO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Fra l'insetti dell'orto c'è un via-vai
che nun s'è visto mai.
— E ch'è successo? — chiedo a lo Scorpione.
— Come sarebbe? — dice — Nu' lo sai
ch'ho organizzato la rivoluzzione?
Avemo stabbilito de da' addosso
a quela Tartaruga
che magna la lattuga
laggiù, vicino ar fosso...
La vedi? Poveraccia! È rimbambita!
S'è bella e persuasa
che perderà la casa,
che perderà la vita,
ma nun se move e resta
tranquilla, indiferente:
nun strilla, nun protesta...
Aspetta che je faccino la festa
filosoficamente.
E ormai ce semo. È l'ora der riscatto!
Quelo ch'è fatto è fatto!... —

Principia la sfilata der corteo.
Davanti a tutti c'è lo Scarabbeo
che spigne una palletta e porta via
l'urtimi avanzi de la borghesia.
Poi c'è la Società de le Zanzare
co' tutte le Zampane trombettiere
ch'aronzeno le solite fanfare:
e appresso a le bandiere bosceviche
passeno fra l'evviva e fra li strilli
Vespe, Cecale, Cavallette, Grilli,
Purce, Pidocchi, Vermini e Formiche.
Ecco la Lega de li Sartapicchi,
ecco la Lega de le Sarapiche...

Appena lo Scorpione fa er segnale,
er gruppo de le Vespe più ribbelle
se scaraventa addosso a l'animale,
che, ner sentisse puncicà la pelle,
ritira ne la coccia
le zampe e la capoccia
per aspettà l'assarto generale.
E l'assarto incomincia. Ogni bestiola
je zompa su la groppa, ma so' in tante
che a contentalle tutte è una parola!
Chi casca, chi se sfregna chi se pista:
ognuna cerca d'arivà per prima
pe' rimané più in vista,
pe' rimané più in cima...
Ma mentre stanno pe' pijà possesso
la Tartaruga sposta piano piano,
scivola, spiomba, casca ner pantano
e se stracina tutti quanti appresso.
Allora lo Scorpione vagabbonno,
ch'assiste sano e sarvo a la rovina,
arza la coda e strilla: — Tutti a fonno!
Viva la faccia de la disciprina!



Questa poesia è stata letta 960 volte