Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Cinque minuti prima de la festa
de l'incoronazzione der Sovrano,
Carlone primo disse ar Ciambellano
che la corona nun j'entrava in testa.
(La corona reale era un coperchio
incastrato in un cerchio
de tutte stelle d'oro
intrecciate fra loro.)
— Oh questa sì ch'è buffa!
— diceva er Re, ner mentre se passava
la mano reggia su la cocciamuffa —
O quarchiduno m'ha ristretto er giro
pe' famme un brutto tiro,
oppuramente la capoccia mia
è troppo grossa pe' la monarchia... —

Er Ciambellano disse: — O larga o stretta
bisogna che se sforzi e se l'infili;
guardi laggiù: de dietro a li fucili,
c'è tutto quanto un popolo ch'aspetta.

E er popolo ignorante se figura
che quanno un Re mette la corona
sia nato co' la testa su misura.
Se Dio ne guardi l'opinione pubbrica
s'incajasse der fatto... bona sera!
Casca er governo e scoppia la repubbrica!...

— Ma prima che me tocchi 'sto disastro
m'incarco la corona fino all'occhi!
— strillò er Sovrano — Ce riproverò...
— Forza! — Più giù!... — S'intesero li scrocchi
dell'ossa che cedevano a l'incastro,
e la corona finarmente entrò.

Così Carlone fece la sortita:
ma per tutta la vita
rimase co' la punta de le stelle
ficcata ne la pelle
come un' ogna incarnita.
E ogni tanto diceva fra de sé:
— Per adesso so' Re:
ma, se domani er popolo ribbelle
rivorrà la Corona, nun me resta
che de daje la testa...



Questa poesia è stata letta 1360 volte