Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

C'era una vorta un Frate che una sera
nu' j'ariusciva de rientrà ar convento
per via der tempo orribbile che c'era.
Che notte, Dio ce scampi!
Che rimbomba de scrocchi!
Le strisce de li lampi
j'entraveno nell'occhi,
li scoppi de li furmini
spaccaveno li campi!
L'acqua cascava a secchi, e un boja vento,
che pareva er lamento d'un cristiano,
soffiava e s'infrociava a tradimento
pe' sconocchià li stecchi
dell'arberi più vecchi.

Er Frate camminava locco locco,
nun vedeva la croce der convento,
ma sentiva a bon conto la campana
de tant'in tanto che je dava un tocco
come una voce d'incoraggiamento.
Quann'ecchete che tutto in un momento
vidde che da una fossa
sortì una fiamma rossa,
e da la fiamma rossa un omo secco,
brutto, tutto peloso, co' 'na màcchia
de sbrugnoccoli in fronte e un naso a becco
che toccava la punta de la scucchia.

— Chi sei? — je strillò er Frate spaventato
mentre cercava de scappà ner bosco —
Che te s'è sciorto? chi te cià chiamato?
Va' via! Nun te conosco!
— Ah, nun me riconoschi! — fece quello —
Nu' lo sai chi so' io? So' Farfarello!
So' Farfarello er diavolo a la moda,
fo er frammassone e ciò li tre puntini
sotto l'attaccatura de la coda.
So' Farfarello er diavolo moderno
che nun conta più un cavolo per via
ch'er monno se n'infischia de l'inferno.
Eh! so' passati queli belli tempi
che me ficcavo in corpo a le persone
co' la scusa de da' li boni esempi:
quanno, pe' mannà avanti la bottega
der mago e de la strega,
ingarbujavo er popolo cojone...
Oggi nun vanno più certi spettacoli,
ché er monno s'è cambiato, Frate mio:
nun crede più né ar Diavolo né a Dio,
né le stregonerie né li miracoli!
So' propio stufo, credeme, e oramai
nun m'è rimasto più che er desiderio
de famme frate, e tu m'ajuterai...
— Scherzi o parli sur serio?
— je chiese er Frate — Ma co' che criterio
me vienghi a fa' una simile proposta?
Che faccia tosta! Doppo quer ch'hai fatto
te voressi vestì da francescano,
co' quele corna lì!... Diventi matto?
Se veramente ciai 'sta vocazzione
ritira li peccati capitali
da la circolazzione...
— Ritirà li peccati? È una pazzia!
— rispose allora er Diavolo — Davero
nun saprei dove metteme le mano.
Come diavolo faccio a portà via
l'Accidia a l'impiegati ar ministero
e l'Avarizzia ar principe romano?
Chi strappa la Lussuria a le signore?
Chi pô levà l'Invidia ar commediografo,
ar maestro de musica e ar tenore?
E come levo l'Ira ar peccatore
che quanno sta a magnà sente er fonografo?
E così pe' la Gola a li prelati
e la Superbia a li villani ricchi...
Credeme, Frate mio, che 'sti peccati
nu' l'abbolischi manco se l'impicchi...
Tu vai dicenno che la gente pecca
dietro er consijo mio:
e, francamente, questo qui me secca
perché er più de le vorte nun so' io.
Se un giorno, travestito da serpente,
ho imbrojato er prim'omo
co' l'affare der pomo,
l'idea fu de Dio Padre onnipotente.
Lui commannava, e quanno semo ar dunque
ho ubbidito a un incarico speciale:
forse è per questo che me trovo male
e so' un povero diavolo qualunque.

1906

Questa poesia è stata letta 1698 volte