Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Anticamente, quanno commannaveno
li Re in persona, e solamente loro,
(ché allora nun ce staveno
Cammere der Lavoro),
successe un certo fatto
che a raccontallo mó pare un mistero,
ma che dev'esse certamente vero
perché la Storia nu' ne parla affatto.

Ar tempo, dunque, de la Gattamavola
c'era una vorta un Re che fu chiamato
a commannà ner Regno de la Favola.
Er Re ciannò. Ma doppo quarche giorno
capì che se trovava in un impiccio
pe' via dell'Orchi che ciaveva intorno:
e Fate e Streghe e Maghi... Era un contorno
che, francamente, nun j'annava a ciccio.

E lo disse ar Ministro: — Qua bisogna
ch'aprimo l'occhi ar popolo in maniera
che, più che ne le trappole che sogna,
impari a vive ne la vita vera,
lontano da l'imbroji e da li trucchi
che serveno a incantà li mammalucchi.
Vojo che ciabbia fede ner lavoro
e no a la gente che je fa intravede
le galline che fanno l'ova d'oro!

Pe' questo è necessario che arrestate
tutte quante le Fate
e sciojete la Lega
der Mago e de la Strega.
In quanto all'Orco co' la su' compagna
li schiafferemo ignudi in una botte,
piena de vetri e de bottije rotte,
pe' falli rotolà da la montagna...

— Badi, però, ch'è un'arma a doppio tajo:
— disse allora er Ministro — e nun vorrei
che succedesse un guajo...
So' tasti delicati, caro lei...
Er popolo, se sa, da quanno è nato
s'è messo sempre appresso a le persone
che l'hanno minchionato.
E in certi casi è facile che dia
più retta a un giocatore de prestiggio
che a un professore de filosofia.
Ma se ariva a scoprì che er ciarlatano
che je promette er solito prodiggio
tiè quarche inghippo preparato in mano,
eh! allora so' dolori! Nun s'aregge!
Fa giustizzia sommaria,
manna tutto per aria,
nun guarda né la forza né la legge!
Lei, dunque, aspetti. Seguiti a fa' er Re
e li lasci sfogà quanto je pare.
Dia tempo ar tempo. Questo qui è un affare
che sfumerà da sé...

— Se er fatto sta così, tiramo avanti!
— disse er Sovrano — Allora
tanti saluti all'Orco e a la signora,
a li Maghi, a le Streghe... a tutti quanti!
Anzi, v'ariccommanno
d'assicuralli che, pe' parte mia,
vedo con una certa simpatia
tutte le fregature che me dànno.



Questa poesia è stata letta 891 volte