Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Loreto

È un Pappagallo vecchio. In una zampa
cià intorno un cerchio che c'è scritto l'anno:
milleottocentotré! Dunque saranno
cent'anni e più che campa!
Però nun c'è mai caso che me dica
una parola o un nome
che me l'accerti o me dimostri come
se sia trovato co' la gente antica.
Cià solo l'abbitudine
che quanno j'arigalo un biscottino
me dice: grazzie, eppoi me fa un inchino
quasi pe' dimostrà la gratitudine...
E questo abbasta pe' capì ch'è nato
ner secolo passato.

Cocò

Puro Cocò nun parla quasi mai.
Sta sempre a la finestra, ma nun bada
ar solito via-vai
de la gente pe' strada:
o che venga o che vada
n'ha vista tanta, ormai!
Passa un corteo co' la bandiera rossa?
Cocò nun se scompone.
Passa la processione?
Cocò nun fa una mossa...
O che s'affacci un Papa o arivi un Re
Cocò resta tranquillo ne la gabbia:
guarda senza fiatà. Pare che ciabbia
l'anima foderata de mené...

Io me lo guardo e penso:
— Povera bestia! O s'è rincojomta
oppure è un Pappagallo de bon senso
che ha capito la vita.

Fofò

Poi c'è Fofò ch'è veramente buffo:
perché quanno se trova tra la folla
zompa come una molla e ingrufa er ciuffo.
Forse je piacerà
la popolarità.
Prova ne sia che appena
fa l'atto de discorre
c'è tutto quanto un popolo che corre
pe' gustasse la scena.
E allora parla. Che je dice? Gnente:
ma je spiattella quarche parolona
cercanno d'annà appresso a la corrente,
così contenta tutti e ar tempo istesso
s'assicura un bellissimo successo.

Fofò, che in questo rappresenta er vero
Pappagallo moderno, è er più felice,
perché chiacchiera sempre e quer che dice
nun ha bisogno de nessun pensiero.



Questa poesia è stata letta 1454 volte