Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Sotto la luce gialla d'un lampione
c'è un mucchio de persone
che guarda, ride e parla allegramente.
— Ch'è stato? — Che succede?
— Ah, gnente: è un intoppato
ch'ha inciampicato in mezzo ar marciapiede.
— Perdio! che s'ha da vede! —
E l'imbriaco prova
d'arzasse su, ma scivola e s'attacca
in un punto d'appoggio che nun trova.
Chi j'incarca er cappello,
chi je tira la giacca...
— Bisognerà riarzallo, poverello...
— E là, nun l'ajutate,
sinnò finisce er bello!
Se famo du' risate...
— Chi sarà? — Chi lo sa? Me sta in idea
che sia quer Capolega co' la panza
ch'ogni vorta che fanno un'adunanza
se pija una tropea...
— Se vede che stasera l'assembrea
ciaveva quarche affare d'importanza... —

Er Capolega, intanto,
ch'è rimasto a sedè su lo scalino,
chiacchiera cór lampione che cià accanto;
e je dice: — Pur'io so' come te,
libbero cittadino,
e vojo beve er vino
come la borghesia beve er caffè.
Se sa: chi va da Pippo e chi d'Aragno
ner modo come sente l'ideale.
Sei socialista, tu? Sei solidale?
E allora abbraccicamose, compagno!
Damose un bacio! Speciarmente poi
che in oggi nun è facile da vede
du' socialisti tanto in bona fede
che vadino d'accordo come noi.
Dice: tutti per uno! Se capisce!
Per esse forti e libberi ce vô
quela cosa che lega e che riunisce...
Percui... viva la So...
viva la Sodilà...
la Solitarietà...



Questa poesia è stata letta 1522 volte