Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Una Nuvola nera disse ar Vento:
— Damme un appuntamento
perché stanotte ho da coprì la Luna.
— E indove vôi che venga? — Verso l'una
dedietro ar campanile der convento.
Se tratta de questioni delicate:
— disse piano la Nuvola — ho scoperto
un buggerìo de coppie innammorate
che la notte se baceno a l'aperto.
E un'immoralità
che propio nun me va!

— Quanto sei scema, Nuvoletta mia!
— je fece er Vento — Vôi coprì l'amore,
ch'è la cosa più bella che ce sia.
e lasci a lo sbarajo tanta gente
che s'odia e che se scanna inutirmente!
Guarda, infatti, laggiù. Li vedi quelli
che stanno a liticà su la piazzetta?
J'abbasta l'aria d'una canzonetta
pe' faje mette mano a li cortelli,
senza manco pensà che so' fratelli
e che cianno una madre che l'aspetta! —

La Nuvoletta, ner vedé la scena,
sbottò in un pianto, fece uno sgrulone
e fracicò un filosofo cojone
che stava a rimirà la luna piena.
— So' le stelle che sputeno sur monno!
— disse tra sé er filosofo — So' loro!
Hanno raggione, in fonno!



Questa poesia è stata letta 1615 volte