Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Lina, te credi, perché m'hai piantato,
che me sucìdi, e te ciariccommanni?
Nun te ce sta' a pijà tutti 'st'affanni,
ché nu' lo fo 'sto passo disperato.

Io nun m'ammazzo manco se me scanni:
doppo anneressi a di' p'er vicinato
che p'er grugnetto tuo ce s'è ammazzato
un giovenotto de ventiquattr'anni!

Così diventeressi interessante
a la barba d'un povero regazzo,
e te ritroveressi un antro amante...

Ma co' me nun se fanno cert'affari!
Piuttosto do a d'intenne che m'ammazzo
per causa de dissesti finanziari.



Questa poesia è stata letta 4392 volte