Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

PAPPAGALLI E SCIMMIOTTI

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Oggi, ne la foresta,
c'è la gran festa de li Pappagalli.
Loreto primo, cór pennacchio in testa
e l'uniforme verde a bordi gialli,
dà un pranzo a lo Scimmiotto Scimpanzè
Imperatore e Re.

A lo spumante, come vô l'usanza,
Loreto s'arza e dice: — Maestà!
un'amicizzia come questa qua
me cresce de prestiggio e d'importanza.
Noi sapemo ch'er popolo, oggiggiorno,
vô che un Sovrano faccia bene er gesto:
in quanto ar resto nu' j'importa un corno.
E lei, che, grazziaddio, cià quattro mani
e pô fa' quattro gesti in una volta,
è er più bravo de tutti li sovrani! —

Lo Scimmiotto, commosso,
doppo d'avé pulito la Reggina
che s'è sversata lo spumante addosso,
s'arza, s'inchina e j'arisponne: — Sire!
Nell'epoca attuale
er Pappagallo è l'unico animale
che ciabbia veramente un avvenire.
Io, ne convengo, fo le mosse bene:
però, senza la chiacchiera, che vale,
la commediola de le controscene?
Qui nun ce manca che una cosa sola:
un cervello che pensi per davero...
Ma a che serve, in politica, er pensiero?
Basta la mossa e basta la parola.
Perfino l'Omo, che raggiona assai,
quanno fa la politica sur serio
aggisce cór medesimo criterio
e quer che pensa nu' lo dice mai.



Questa poesia è stata letta 939 volte