Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Er mi' padrone è un celebre strozzino,
— diceva un Cane — che me tiè ar cancello
pe' nun fa' entrà li ladri ner villino.
Ognuno che ne capita è un macello!
So' vecchio der mestiere
e faccio er mi' dovere...

Ma, a furia de da' addosso a tanta gente
che s'approfitta de la robba artrui,
più d'una vorta m'è venuto in mente
de mozzicà li stinchi pure a lui...
Ma er dovere m'impone
de rispettà er padrone...



Questa poesia è stata letta 1950 volte