Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA SCAPPATELLA DEL LEONE

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Una vorta er guardiano d'un serrajo
lassò per uno sbajo
uno sportello de la gabbia aperto.
— Giacché me se presenta l'occasione,
— disse er Re der Deserto — me la squajo... —
E zitto zitto escì da la priggione.

— Indove te ne vai? — chiese la Jena.
El Leone rispose: — Ar Colosseo,
a magnà li cristiani ne l'Arena. —
La Jena disse: — Quanto me fai pena,
povero babbaleo!
Che credi? de rifa la pantomima
de le bestie ch'esciveno de fòra,
cór pasto de le berve come allora
e li martiri pronti come prima?
Nun hai saputo che, da un pezzo in qua,
è proibbito d'ammazzà la gente
senza er permesso de l'Autorità?
Tu rischi de restà senza lavoro:
da' retta a me, collega mio, rimani:
e lassa che li poveri cristiani
se magnino fra loro.



Questa poesia è stata letta 917 volte