Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA GALLINA CHE COVAVA...

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Un Gatto senza un filo de riguardo
rubbò l'ovo a una Biocca e, d' anniscosto,
propio a lo stesso posto,
je ce messe una palla de bijardo.
Quella, soprappensiero,
nun s'accorse der cambio e la covò
come se fosse stata un ovo vero.
Cloclò, cloclò, cloclò...
— Chissà che bell'ucello scappa fòra
da un ovo così bello e rilucente!
— diceva fra de sé — nun vedo l'ora! —
E lo covava premurosamente.
Ma un giorno che scoprì la marachella
incominciò a beccallo a tutto spiano
finché se ruppe er becco, poverella!
E l'ovo, manc'a dillo, restò sano.
Caro avvocato, è un pezzettino ormai
che predichi la Pace Universale:
so' trent'anni ch'aspetti l'Ideale,
ma 'sto giorno de Dio nun spunta mai!
Per questo, se te guardo,
rivado cór pensiero a la Gallina
che covava le palle de bijardo.



Questa poesia è stata letta 919 volte