Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er Re Leone fece uscì un editto
indove c'era scritto:
— Chi sparlerà der Re de la Foresta
sarà mannato ar tajo de la testa. —
Doppo 'sto manifesto è naturale
ch'ogni animale rimaneva zitto.
Una Gallina chiese ar Cane: — E tu?
come la pensi? — Eh, — dice — su per giù,
io credo che la penso come te... —
Allora er Cane fece: — Coccodè... —
e la Gallina je strillò: — Bubbù... —
Un Pollo solamente nun capì
e cominciò a cantà: — Chicchirichì... —
Ma, da quer giorno, nun s'intese più.



Questa poesia è stata letta 804 volte