Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ogni vorta che vado dar barbiere,
ner vede quela fila de me stessi
allineati come tanti fessi
ner gioco che me fanno le specchiere,
nun posso sta' se nu' je fo un versaccio
pe' vedelli rifà quelo che faccio.

Metto fòra la lingua, e cento lingue
me rifanno la stessa pantomima;
ogni testa ubbidisce: da la prima
all'urtima, ch'appena se distingue,
pareno ammaestrate a la parola
sotto er commanno d'una guida sola.

Se invece penso a te, ciumaca mia,
nun potrei garantì che, ner ricordo,
queli me stessi vadino d'accordo
come ner gioco de fisonomia;
anzi, quarcuno dubbita e me pare
che nun veda le cose troppo chiare.

Qualunque idea me nasce ner cervello
se cambia così presto e così spesso
che nun fo in tempo de guardà me stesso
che già er pensiero mio nun è più quello.
Immaggina un po' tu quelo che sorte
da un omo che rifrette cento vorte!

Ciò fatto caso giusto stammatina;
doppo d'avemme insaponato er viso
er barbiere m'ha chiesto a l'improviso:
— L'ha più rivista quela signorina?
— Chi? — dico — Bice? — E m'è rimasta come
la bocca amara ne' ridì quer nome...

Subbito cento bocche, tutte eguale,
piegate ne la smorfia d'un dolore,
hanno inteso er rimpianto d'un amore,
hanno ridetto er nome tale e quale;
ma quant'idee diverse! quante cose
leggevo in quele facce pensierose!

Io dicevo: — Oramai tutto sfumò... —
E quelli appresso: — Certo... — Chi lo sa?...
— E se tornasse? — Che felicità!
Ce faccio pace subbito... — Però...
Doppo quela scenata che ce fu...
è forse mejo che nun torni più.

— Me ricordo li baci de quer giorno...
— E quelo schiaffo che j'appiccicai...
— Sì, feci male... — Feci bene assai!
Ciaveva un conte che je stava intorno...
Era un'infame... — Un angelo... — Una strega...
— Chi se la pô scordà?... — Chi se ne frega! —

E scoprivo in ognuno un pentimento,
una gioja, un rimorso, un desiderio...
Ma quanno me so' visto così serio
m'è venuto da ride... E tutti e cento
m'hanno risposto, pronti a la chiamata,
con una risatina sminchionata.



Questa poesia è stata letta 1213 volte