Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er vecchio Matto gira pe' la villa
ne le sere d'estate senza luna,
acchiappa a volo e infila una per una
tutte le Lucciolette in una spilla.
Ogni tanto la gente, pe' vedello,
s'arampica a le spranghe der cancello:
— Che fai? — je chiede. E er vecchio je risponne
— Smorzo le Lucciolette vagabbonne.

Perché dar foco che me mise in core
quela birbona che nun è più mia
una favilla se n'agnede via
e s'è cambiata in Lucciola d'amore.
Così successe questo: a poco a poco
er core mio rimase senza foco,
mentre la Luccioletta ch'è sortita
ancora se la gode e fa la vita.

Io so' convinto che me vola intorno
pe' ricordamme l'epoca più bella
che, invece d'una povera fiammella,
ciavevo er core illuminato a giorno:
ma ormai, purtroppo, ho perso la fiducia
in una fiamma ch'arde e nun abbrucia,
e me dispiace che me porti in giro
l'urtimo bacio e l'urtimo sospiro.



Questa poesia è stata letta 3745 volte