Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA BATTECCA DER COMMANNO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

C'era una vorta un povero barbiere
con una moje tanto mai incitosa
che, quanno je chiedeva per piacere
che je portasse questa o quela cosa,
la sentiva strillà: — Vattel'a pija! ... —
senza nessun riguardo a la famija.

Ne li momenti ch'era inviperita
j'arisponneva a furia de stornelli
su li motivi de la malavita:
e spesso je n'usciveno de quelli
che, da li fiori, indovinavi prima
dove finiva er gioco de la rima.

Ma Gnocco (lo chiamaveno così)
sopportava la moje e, persuaso
che j'amancasse quarche venerdì,
chiudeva un occhio e nun faceva caso
nemmanco a un giovenotto de lì intorno
che lo faceva becco in pieno giorno.

Una notte però che, da un rumore,
scoprì un pompiere drent'a la credenza,
disse a la moje: — E indove ciai l'onore?
Berta! Ch'hai fatto? Questa è un'indecenza!
Io so' un marito, mica so' un pupazzo...
— Allora, — cantò lei — fior de rampazzo!

— Va'! — disse Gnocco — Perfida che sei!
Se la pena che soffro entrasse drento
a la pietra più dura, puro lei
risentirebbe tutto er mi' tormento!
Tu, invece, te la ridi, te la canti
e me fai minchionà da tutti quanti!

Doppo che pe' tant'anni t'ho tenuto
come la rosa ar naso, me fai questo!
Lo sai che nova c' è? Che te saluto!
M'impicco e bonasera! — E, lesto e presto,
pijò una corda, dette un bacio ar gatto
e uscì da casa come un razzo matto.

Arivato che fu vicino a un bosco,
vidde una poverella che je chiese:
— Perché sospiri, Gnocco? Io te conosco:
tu sei l'omo più bono der paese
perché ciai un core d'oro e me ricordo
che ogni tanto me davi quarche sòrdo.

Io — dice — so' la nonna de le fate:
e siccome le fate, a l'occasione,
co' tutto che so' femmine, so' grate
a chi j'ha fatto quarche bona azzione,
t'insegno un mezzo pratico e sicuro
pe' mette Berta co' le spalle ar muro.

Ècchete 'sta battecca der commanno.
Se tu' moje pijasse er sopravvento,
prima je la fai vede, e, fino a quanno
nun capischi che cambia sentimento,
je ce tocchi la schina e, s'è possibile,
dove trovi più spazzio disponibbile. —

Gnocco la ringrazziò tutto felice,
ritornò a casa e volle fa' la prova.
Bussò. J'aprì la moje. — Oh, senti, — dice —
famme da cena, sbatteme un par d'ova... —
E quella principiò: — Fiore d'erbaccia,
se nun t'azzitti te le sbatto in faccia! —

Allora, lui, co' la battecca in mano
come facesse un gioco de prestiggio,
je ce toccò la schina piano piano
e subbito s'accorse der prodiggio,
ché Berta cambiò viso e cambiò voce,
piegò le braccia e se le mise in croce.

E disse: — Sarò bona come er pane:
da 'sto momento nun farò più scene,
e quanno canterò fior de banane
sarà pe' ditte che te vojo bene.
Ècchete un bacio. Er bacio è er più ber fiore
che nasce ner giardino de l'amore. —

Berta, così, nun fece più la matta,
e der resto er fenomeno se spiega.
Quela battecca maggica era fatta
cór manico de scopa d'una strega:
e un bon tortore, più che la maggia,
è er mezzo più sicuro che ce sia!



Questa poesia è stata letta 1211 volte