Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER SENTIMENTO DE CERTE...

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

La donna, in fonno, è sempre un po' vassalla,
antro che sentimento! Quela vorta
ch'agnedi co' la bionna fôr de porta
feci der tutto per impressionalla.

— Vedi — dicevo — quela foja morta
come s'è fatta secca, com'è gialla?
Vola cór vento, come una farfalla,
e chissà dove diavolo la porta!

Io, spesso, paragono ne la vita
la speranza ner core de l'amanti
a quela foja d'ellera ingiallita...

— No, so' foje de fico: — disse lei —
so' quelle che se metteno davanti
a li pupazzi drento a li musei.



Questa poesia è stata letta 1806 volte