Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

COME FU CHE NUN PRESI MOJE...

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

I

Hai visto Nina, come s è ingrassata?
Pare propio una botte che cammina!
Invece a sedici anni era carina,
palida, bionda, fina, delicata...

Io l'incontravo spesso la matina
quanno ch'annava a scôla, accompagnata
da una servetta zozza e scarcagnata
che doveva chiamalla signorina.

Fu appunto un giorno che sortì da scôla
che me feci coraggio e la fermai:
— Signorina... permette una parola?

Lei nun pô crede quanto m'è simpatica...
anzi... j'ho scritto questo... — E j'infilai
un bijettino in mezzo a la Grammatica.

II

— Se cià bone intenzioni — disse lei —
bisogna che ne parli co' mi' zio...
— Se nun è che per questo, — feci io —
fra quarche giorno me deciderei... —

Dice: — Sto a Via dell'Oca, centosei:
troverà scritto Macchia: er nome mio;
però stia attenta, pe' l'amor de Dio!,
che zi' Pietro è severo... e nun vorrei... —

Dico: — Nun pensi... — E un po' de giorni doppo
me presentai glorioso e trionfante
fino su a casa, e cominciò l'intoppo.

Defatti lessi sopra du' targhette:
«Professor Pietro Nacchia, chiromante.
Consultazioni dalle tre alle sette».

III

— Sonai. M'oprì la serva. — È compermesso?
— Uh, — dice — chi se vede! er signorino!
Che venga puro! — E con un bell'inchino
me fece l'atto che j'annassi appresso.

Ma, appena entrato, un boja cagnolino
che stava ne la cammera d'ingresso
incominciò a abbajà come un ossesso
manco s'avesse visto un assassino.

La serva, un po' pe' fa' li comprimenti,
un po' pe' fa' sta' zitta quel'arpìa,
sentivo che diceva fra li denti:
— Er professore: credo che ce sia...

Zitto, Lullù! S'accomodi... Accidenti...
Favorisca... A la cuccia!... Passa via! —

IV

Immagginate un po' che sbatticore
quanno s'oprì una porta piano piano
e sbucò fòra un omettino anziano
che fece segno de nun fa' rumore.

Poi chiese: — Che desidera er signore?
Vô forse che je legga ne la mano? —
Io ch'avevo da fa'? Feci l'indiano
e dissi: — Pe' l'appunto, professore...

— Va bene; — me rispose — in de 'sto caso,
se metta a sede... — Se schiaffò l'occhiali,
me guardò ne la mano e aggricciò er naso.

— Lei — dice — è un giovanotto de talento,
però sente l'influssi mercuriali...
— È vero, — j'arisposi — me li sento. —

V

Dice: — Guardi 'ste righe. Vede questa?
Significa che lei ciavrà fortuna:
ma tra er monte de Venere e la Luna
c'è un punto che se spezza e je s'aresta.

Badi a le donne. Onesta o nun onesta
cerchi de nun sposanne mai nessuna:
ché qualunque ne pija, o bionda o bruna,
ciavrà più corna che capelli in testa.

— Grazzie! — je dissi; e doppo avé posato
una carta da cinque sur pianforte
me n'agnedi avvilito e scoraggiato.

Se nun m'avesse letto l'avvenire,
chissà... forse a quest'ora... Quante vorte
ho benedetto quele cinque lire!



Questa poesia è stata letta 4941 volte