Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA SCENATA DER SIGNORINO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Parla il cameriere

Se so' lasciati jeri. La Contessa
l'è venuto a trovà verso le sei.
— Mario, nun t'amo più! — j'ha detto lei. —
S'avemo da lascià stasera stessa... —

Lui j'ha risposto: — Ah, cinica che sei!
Forse c'è un antro... Dimmelo! Confessa!
— Oh — dice — questo... poco t'interessa
e, benché fosse, non te lo direi... —

A 'ste parole er signorino ha pianto.
— Ecco — j'ha detto — er sogno che svanisce!
Povero core mio che soffre tanto! —

Faceva pena! Invece quela strega
lo sai che j'ha risposto: — Ge m'anfisce... —
che in francese vô di': chi se ne frega!



Questa poesia è stata letta 982 volte