Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Parla cór fidanzato

De chi sospetti? der commennatore?
Me potrebb'esse padre, amore santo!
Vie pe' casa, è verissimo, ma in quanto...
Te giuro: mai! Parola mia d'onore!

Perché ce sòrto assieme? È un disonore
se me porta a balla de tant'in tanto?
Questo dipenne ch'abbitamo accanto,
ma c'entra tutto meno che l'amore.

Da quanno lo conosco nun m'ha detto
una mezza parola fôri posto:
mai che m'abbia mancato de rispetto...

Io me n'accorgo quanno che ce ballo:
avressi da vedé com'è composto;
mica fa come te, brutto vassallo!

II

Parla cór boccetta

Tu dichi che j'ho dato confidenza,
però te sarà parso, cocco bello,
che a tutti la darei meno ch'a quello:
è troppo regazzino, abbi pazzienza!

Quarche vorta ce scherzo, ma, in coscenza,
me pare de giocà co' mi' fratello;
a me me piace l'omo attempatello
che ciabbia un pochettino d'esperienza.

Io preferisco a te, Pasquale mio,
a tanti giovenotti che ciò intorno:
je fai fichetto... Te lo dico io!

Te posso garantì che a petto a loro...
Ma questo te lo dico un antro giorno,
quanno me compri l'orloggetto d'oro.



Questa poesia è stata letta 1059 volte