Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Je lo dicevo: — Abbada a quer che fai!
Checca, nu' lo sposà, nun fa' la matta:
ché resti co' 'na scarpa e 'na ciavatta
e un bucio a la carzetta. Lo vedrai! —

Invece, lei, tignosa più che mai,
l'ha vorsuto pe' forza, e mó se gratta;
ch'avressi da vedé come la tratta:
povera fija! sempre tra li guai!

Nun ciò che una speranza ner compare
ch'è stato ar Ministero de l'Interno,
e adesso s'interessa de l'affare.

Già lo tiè d'occhio e, presto, co' la scusa
che un giorno ha detto male der Governo
lo manna a fa' li bagni a Lampedusa.



Questa poesia è stata letta 937 volte