Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Devi sapé che l'antra settimana
er signor duca ha dato 'na gran festa,
che j'è costata un occhio de la testa
per via che cià la moje americana.

Ma la cosa più buffa è stata questa:
du' signorine e una signora anziana
staveno a sede sopra un'ottomana
come se nun ciavessero la vesta.

Ecco che la signora, doppo er ballo,
m'ha detto: — C'è mi' fija che vô un té
un po' allungato, ma piuttosto callo... —

Io j'ho risposto: — Subbito, eccellenza!
Ma su' fija, s'è lecito, qual'è?
quella co' le mutanne o quella senza?



Questa poesia è stata letta 1583 volte