Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER PRANZO A L'AMBASCIATA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Hai visto quant'è grossa la signora?
Quanno che va coll'abbito scollato
me pare un materazzo strapuntato
pe' la gran robba che je scappa fòra;


e a furia de di' sempre a la sartora
che je faccia er vitino più attillato,
tre sere fa, ner pranzo che c'è stato,
passassimo un gran brutto quarto d'ora!

Doppo magnato fece uno stranuto,
e insaccata com'era, capirai,
je se ruppe 'na strenga e te saluto.

Povera donna! Fu un momento brutto!...
Ma c'era l'attascè der Paraguai
che fece in tempo a riparaje tutto...



Questa poesia è stata letta 1342 volte