Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Parla Checco er benzinaro

I

La terza Roma nun s'intenne mica
che da Romolo in qua ce so' tre Rome:
naturarmente je se dà 'sto nome
pe' potella distingue da l'antica.

De Roma nostra, Dio la benedica,
nun ce n'è che una sola: ma, siccome
fu rimpastata, je successe come
succede co' la crosta e la mollica.

Infatti, sur più bello d'un lavoro,
te ritrovi l'Impero giù in cantina
con una strada che va dritta ar Foro:

e scopri che, presempio, la finestra
indove s'affacciava Messalina
corrisponne a 'na chiavica maestra.

II

Er tempo, che lavora co' la lima,
con una mano scrive e l'antra scassa,
e succede ch'er postero sfracassa
quello che l'antenato ha fatto prima.

Così vedrai che fra mill'anni e passa
rifaranno la stessa pantomima,
e tutto quello ch'oggi sta più in cima
sarà guardato come Roma bassa.

E forse un cicerone der tremila
dirà a un ingrese: — Vede, mosiù mio,
quer Cammerone co' li posti in fila?

Laggiù, in un tempo, se parlava troppo,
e mó se sente solo er gnavolìo
de li gatti ch'aspetteno er malloppo.



Questa poesia è stata letta 1797 volte