Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

A immagginasse Roma anticamente,
pe' quanto faccia, un omo se confonne:
ched'era Roma? un bosco de colonne,
una città de marmo arilucente.

Le chiese nun ce staveno pe' gnente,
nun c'ereno né Cristi e né Madonne,
perché de queli tempi, ommini e donne,
ciaveveno una fede diferente.

E lo sai chi pregaveno? Giunone,
Nettuno, Apollo, Venere, Minerva,
Marte, Vurcano, Cerere, Prutone...

E a capo a tutti quanti c'era Giove,
er solo Dio ch'adesso se conserva
perché se chiama Pluvio quanno piove.

II

E Giove, che ciaveva ne le mano
tutta l'azzienna elettrica celeste,
viveva fra le nuvole e da queste
furminava la gente da lontano.

D'accordo co' Nettuno e co' Vurcano
faceva l'uragani e le tempeste
pe' sconocchià li boschi e le foreste
e spaccà le montagne a tutto spiano.

Se sa: so' tutte pappole ch' ormai
fanno ride li polli; ma l'antichi
se l'ereno bevute bene assai.

Questo vô di' che l'ommini so' pronti
a crede a tutto quello che je dichi
e a qualunque fregnaccia j'aricconti.

III

Eppuro, 'sti pagani babbalei,
faceveno le cose co' decoro
perché hanno scritto fra le stelle d'oro,
in mezzo ar celo, er nome de li dei!

E li tempî? e li fori? e li musei?
So' pieni zeppi de ricordi loro:
guarda l'Apollo, che capolavoro!
Venere sola, basterebbe lei!

La più benfatta, quella de Cirene,
pare che ciabbia un'anima e je senti
er sangue friccicà drent'a le vene.

Nun cià testa, ma pensa: e forse spera
de capì mejo tanti cambiamenti
ch'ha fatto l'omo pe' resta com'era.



Questa poesia è stata letta 1382 volte