Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Fra li cibbi più boni e più leggeri
viè avanti a tutti er fritto de cervello.
A me, però, nun me parlà de quello
che nu' l'ho mai magnato volentieri.

Solamente a l'idea che fino a jeri
è stato ne la testa de l'agnello
che magara capì d'annà ar macello
me pare de magnamme li pensieri.

Naturarmente, povera bestiola,
nun dice quer che pensa, come noi,
perché Iddio nun j'ha dato la parola;

ma che te credi tu? che l'animali
nun ciabbino li martiri e l'eroi
e, a modo loro, puro l'ideali?

II

Lo scimpanzè, defatti, è un infelice:
martire der dovere e de la scenza,
che, pe' da' forza all'omo, resta senza
quello che in generale nun se dice.

E nun so' eroi da mettese in cornice
er somarello pieno de pazzienza
e er mulo che va in guerra e, a l'occorenza,
trasporta pure la mitrajatrice?

E dove trovi un sentimento vero
come quello der cane? Devi ammette
che è l'amico più bono e più sincero:

perché, senza bisogno de controllo,
è fedele ar padrone che je mette
la musarola e la catena ar collo.



Questa poesia è stata letta 1491 volte