Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L'amore, a tempo mio, nun era mica
facile e sbrigativo com'è adesso:
lo scopo, se capisce, era lo stesso,
ma te costava un sacco de fatica.

Perché la donna, cór vestì a l'antica,
ciaveva un po' più scrupolo der sesso:
nun era come mó, ch'annaje appresso,
doppo un minuto già te fai l'amica.

Oggi che fanno tutto a tirà via
pure l'amore ha prescia ne la vita
e se ne frega de la poesia.

Va dritto, ar sodo, senza comprimenti...
Nun potrebbe sfojà la margherita
su 'na Torpedo cinquecentoventi!



Questa poesia è stata letta 3511 volte