Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

In un paese de li più lontani,
ch'è sempre pieno de miniere d'oro,
c'è un popolo guidato da un Re moro
capo de li Cannibbali africani.

Mentre el Re, come tutti li sovrani,
nun parla che de pace e de lavoro,
li sudditi se magneno fra loro
fino a sbranasse peggio de li cani.

Pure la carne bianca forastiera
ogni tanto l'assaggeno, ma poi
aritorneno sempre a quela nera;

ché er cannibbale vero, in generale,
sente l'amor de patria e, come noi,
preferisce er prodotto nazzionale.

II

Tutti, laggiù, dar ricco ar poverello,
cianno per distintivo un cerchio ar naso:
e el Re, che li tiè d'occhio, quann'è er caso,
li lega, uno per uno, pe' l'anello.

Se quarche moro, poco persuaso,
cerca de mette bocca, sur più bello,
el Re tira lo spago, e allora quello,
come sente tirà, mosca Tomaso!

Co' 'sto sistema er popolo rimane
legato a chi lo guida o lo stracina
e l'ubbidisce come fosse un cane.

Ma er capo, che capisce e che raggiona,
s'accorge spesso che la disciprina
ne viè da lo spaghetto che funziona.



Questa poesia è stata letta 928 volte