Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Maria Vergine gravida a la posta
Trovò una lettra: A Mmaria bbenedetta.
«Chi ddiavolo me scrive?… Ah, è la risposta
De mi’ cuggnata santa Lisabbetta.»

Je raccontava lei c’a ffall’apposta
Je cressceva a llei puro la panzetta.
Allora lei, sibbè ch’er viaggià ccosta,
J’annò a ffà cor zu’ bboccio una bburletta.

Disce che la trovò co ppoca panza,
Senz’appitito e ccolla sputarella,
In zur comincio della gravidanza.

San Giuseppe tratanto s’ariscarda:
Doppo leva ar zomaro la bbardella,
E appoggeno tre mmesi la libbarda.

14 gennaio 1832

Questa poesia è stata letta 288 volte